30 luglio 2015

30 LUGLIO 2015 || 5 anni di Stylosophique!

30 luglio 2010 - 30 luglio 2015: 5 anni di Stylosophique!

Non si può spiegare a parole quanto il blog abbia cambiato - in meglio - la mia vita. Quando l'ho aperto ero più giovane e inconsapevole di ora ma già allora ero un persona determinata e soprattutto curiosa. Proprio per questa mia caratteristica ho deciso di aprire un MIO spazio web, per parlare delle mie passioni con chi aveva voglia di condividerle con me. E tornassi indietro lo rifare di nuovo, forse pure prima, senza pensarci su 2 volte!

5 anni di Stylosophique sono per me, prima di tutto, 5 anni di crescita personale, di novità, esperienze, successi e conoscenze. 5 anni di CONDIVISIONE, bella e sana, con una community che cresce ogni giorno di più. 5 anni di web vissuto sulla pelle, giorno dopo giorno. 5 anni di me. 5 anni di voi, ciascuno di voi che ogni giorno mi legge, mi supporta, condivide con me un pezzettino della sua giornata. Stylosophique non sarebbe lo stesso senza di voi, quindi, GRAZIE. Dal profondo del cuore.  

#INSTAGRAMMARECIBO || RICETTA • Linguine estive con pisellini finissimi e mazzancolle

Ingredienti per 2 persone
200 gr di linguine
3 cucchiai di olio evo
1 spicchio d'aglio
1/4 cipolla bianca
2 bicchieri di pisellini finissimi surgelati
240 gr di code di mazzancolle sgusciate surgelate
1/2 bicchiere di vino bianco
sale e pepe q.b.

Come le ho preparate
Per prima cosa ho messo sul fuoco una pentola per portare a bollore l'acqua per la pasta. In una padella abbastanza grande da contenere poi sia il condimento che la pasta, ho versato 3 cucchiai di olio evo e ho aggiunto lo spicchio d'aglio e la 1/4 cipolla tagliata a dadini. Ho fatto imbiondire la cipolla e ho aggiunto i 2 bicchieri di pisellini, le mazzancolle e 2 mestoli di acqua di cottura della pasta. Ho coperto e lasciato cuocere a fuoco medio per 5 minuti poi ho tolto il coperchio, ho salato e ho continuato la cottura fino all'evaporazione di tutta l'acqua. Nel frattempo, ho salato l'acqua della pasta arrivata a bollore e ho buttato le linguine. Ho alzato il fuoco e ho sfumato il condimento con il 1/2 bicchiere di vino. Ho tenuto da parte qualche mestolo di acqua di cottura e ho scolato la pasta 2 minuti prima del tempo. Ho aggiunto la pasta al sugo e ho completato la cottura in padella aggiungendo 1 mestolo di acqua di cottura. 

Come le ho instagrammate
Piatto bianco e macinata di pepe nero fresco.

27 luglio 2015

OUTFIT || Un abito stampa paisley e la mia camera bag rosa cipria

CURVY OUTFIT: Un abito svolazzante E la mia nuova camera bag presa ai saldi!

Mi sono innamorata di questo vestitino svolazzante sia per la stampa che lo decora sia per la sua vestibilità tanto che, se ce ne fossero state altre versioni in altri colori o fantasie, avrei preso anche quelle! Da quando lo ho, lo sto sfruttando tantissimo sia di giorno con un sandalino basso, sia la sera con un sandalo col tacco come in questo caso. Sopra ho voluto aggiungere il mio gilet di jeans (che ho realizzato da sola tagliando un vecchio giacchettino!) per dare un tocco più casual al look. Come borsa ho scelto la mia nuova camera bag: spaziosissima, ultra comoda e in un tono di rosa che mi fa impazzire! L'ho presa con i primi saldi di Zara per soli €29! Non potevo certo lasciarla lì... 

Anello: RIBES OF LOVE
Abito: LA FATA SCALZA
Gilet: DIY
Sandali: ZARA
Borsa: ZARA

24 luglio 2015

Il passo indietro di Instagram: #CURVY torna visibile!

Iris Tinunin
Qualche giorno fa era uscita la notizia su BuzzFeed riguardo a uno stranissimo ban applicato ad un hashtag su Instagram: la parola #curvy, infatti, è stata bloccata dal social stesso. Le polemica riguardo questa decisione è ovviamente diventata virale in un batter d'occhio visto l'altissimo numero di utenti che quotidianamente fanno uso di quel particolare termine di ricerca.

Il web si è scatenato contro quello che a tutti gli effetti sembrava un atto di puro body shaming: oltre alla parola #CURVY, infatti, anche #BBW (che sta per Big Beautiful Women) è stata bannata. La risposta è stata globale e ha portato alla creazione di tantissimi hashtag alternativi fra i quali il più usato è stato #curvee.

La smentita da parte di un portavoce di Instagram non ha tardato ad arrivare ed ha chiarito che l'hashtag #curvy è stato bloccato in quanto risultava "intasato" da una miriade di immagine a sfondo pornografico. Questa stranissima motivazione ha generale altre polemiche che possono essere suddivise in due grandi filoni:
- una prima parte di utenti ha visto in questa spiegazione una motivazione parziale e superficiale per un ban così grande. Infatti, come mai termini come #forced, #clitoride o #dildo sono tranquillamente visibili su Instagram nonostante siano palesemente a sfondo sessuale e #curvy non è più visibile? Se la motivazione fosse veramente quella riguardanti le immagini sconce non avrebbe avuto più senso bloccare quelle singole immagini (e/o gli utenti che le caricavano) piuttosto che un #hashtag così usato?
- un secondo filone, invece, si è orientato su un pensiero più pacato: Instagram - tramite il ban - ha voluto tutelare tutte le ragazze che abitualmente utilizzavano l'hashtag #curvy evitando di far apparire le loro foto accanto a quelle di porno attrici e porno star. Questo pensiero è condivisibile ma, se è davvero questa la motivazione, come mai composti della parola #curvy come #curvylover sono ancora visibili? Vuol dire che le donne non possono "autocelebrare" il proprio corpo usando termini che lo rappresentano ma altri possono "idolatrarlo" tramite composti di quelle parole? E' molto strano.

Sotto a queste due macro categorie si sono sviluppate, ovviamente, altre polemiche più dettagliate e particolareggiate ognuna inerente a uno dei tanti aspetti che un atto di censura come quello applicato da Instagram ha in sé. Poi la svolta. E' di poco fa, infatti, la notizia (uscita su Weird) che il termine #curvy è stato sbloccato ed è quindi di nuovo visibile con tutte le sue foto, oltre 2 milioni!

Battaglia vinta, dunque! Ma cerchiamo di imparare da questa situazione. Credo fortemente che sia giunto il momento di fare un uso consapevole dei social network che si riflette anche in un uso mirato e coerente degli hashtag coi quali indicizzare le foto.
Credits: Natural Models

23 luglio 2015

ESTATE || Ispirazioni per mobili e arredo da giardino

Leon S.R.L. / homify.it

Le mie ispirazioni e i miei mobili preferiti per l'arredo del giardino

Da primavera in poi, con la bella stagione, il sole e il caldo adoro stare in giardino. Come molti di voi sapranno, se mi seguono, vivendo a Forte dei Marmi ho la fortuna di averlo e sicuramente in molti lo avrete visto nei miei video su Periscope e su Snapchat. Oltretutto, mia mamma se n'è sempre occupata in prima persona perché ha la passione per le piante ed i fiori e continua a farlo per fortuna visto che io, invece, non ho propriamente il pollice verde. Le uniche piante che, in mano mia, hanno vita sono quelle finte: le peonie che uso per le foto su instagram e i fiorellini che decorano, in un vasetto, la mia scrivania. Con le piante in carne ed ossa me la cavo decisamente peggio ma, nonostante questo, mi piace trascorrere il tempo fuori. Il mio giardino è abbastanza ombroso e ci soffia sempre un venticello rinfrescante dunque è un piacere stare all'aperto sia per lavorare al pc che per coccolare la mia mica oppure, anche, per pranzare all'ombra!

Proprio per questo che mi sono appassionata ai mobili da esterno e ho cercato varie ispirazioni su come arredare il giardino. Avevo già passato questa fase (anzi, a dire il vero, non ne sono mai uscita!) per quanto riguarda la mia camera: fra i video dei roomtour su Youtube e le board di ispirazione su Pinterest piene zeppe di camere, cucine, giardini e uffici perfetti la mia voglia di giocare a Barbie Arredatrice di Interni (e, in questo caso, anche di Esterni!) è arrivata a toccare picchi altissimi! Sfogliare il web alla ricerca dei mobiletti perfetti che sposassero il mio gusto e i miei desideri è diventato un vero e proprio passatempo e, col cambio di stagione, il mio interesse si è spostato dalla camera al giardino!

Il giardino dei miei sogni - sul quale sto lavorando affinché diventi realtà - prevede senza ombra di dubbio un'arredamento chiaro e sui toni neutri: sì dunque ai colori naturali del legno, della iuta, il panna, tutte le gradazioni di beige e bianco e così via. Un gazebo non può assolutamente mancare, decorato da tende bianche da lasciar svolazzare al vento. I divanetti poi, devono essere accompagnati da tanti cuscini di varie dimensioni e tutti ovviamente in gradazione cromatica. Adoro in particolar modo le sedute tonde, tipo poltroncine, su cui ci si può accoccolare comodamente a leggere. Il mio sogno di sempre è, infine, l'amaca per dondolarsi, rilassarsi e godersi il fresco dell'ombra.

Il vostro giardino dei sogni, invece, com'è?
Caroline's Design / homify.it
Emilyhannah LTD / homify.it
Anna Paghera S.R.L. / homify.it
Sonia Paladini / homify.it

Licenza Creative Commons
Based on a work at www.stylosophique.com.
You are not allowed to use or modify the content. You can't use it for commercial reasons.
You can't share the pics/text/graphic without my prior consense and they have to be linked back to this blog.
Permissions beyond the scope of this license may be available at stylosophique@hotmail.it.


Profilo