16 febbraio 2015

VIDEO || #stylosoSANREMO: il diario del 5° (ed ultimo) giorno al Festival

Vivere la finale del Festival di Sanremo da dentro è stata un'emozione unica. Anche se il risultato si è rivelato quanto mai distante da quello che avrei voluto io (non che ne abbia fatto mistero): vedere tutto live è lontano anni luce dal seguire la puntata da casa. La tensione, l'emozione, la rabbia anche: è tutto moltiplicato esponenzialmente!

Paradossalmente la giornata della finale (che coincideva con San Valentino) è stata una delle più tranquille perché la maggior parte delle interviste e delle conferenze stampa le avevamo coperte già nei giorni precedenti.

Ho avuto quindi il tempo di mandare online la mia Classifica di Stile e poi mi sono regalata una cenetta di sushi prima della diretta! 

La diretta è stata intensissima. Il finale non c'è bisogno che ve io ve lo racconti(anche perché si vede tutto palesemente in video!) e dopo abbiamo anche seguito la conferenza stampa conclusiva (iniziata all'1:30 di notte!). Sono felice per Nek e Malika e spero vivamente che i 3 ragazzi de Il Volo facciano prima o poi un bagno di umiltà: sono il terrificante risultato di aver inculcato fin dalla tenera età in delle menti volubili la potente convinzione che non ci sia niente di meglio al mondo. Spocchiosi, pieni d'ego, arroganti. Bravi per carità, innegabilmente dotati, ma umanamente poveri come non mai. 

4 commenti:

  1. Anche io volevo Nek vincitore. Vabbè che dire... avendo vissuto il festival dall'altra parte quest'anno, partecipamdo ad area sanremo, posso dire che non è tutto oro quello che luccica! ;)

    RispondiElimina
  2. Quest'anno la finale l'ho vista a metà ma resta l'appuntamento che più preferisco. Quest'anno è stato un Sanremo che ho apprezzato: molto spazio alla musica, poche polemiche, pochi fronzoli che a me fanno solo innervorsire. Come ha detto Nek, sembrava più un Festivalbar di hit.

    Purtroppo è andata come è andata, ma vabbè gli italiani medi ci sguazzano negli stereotipi sulle cose importanti, figuriamoci su un trio di ragazzini che canta una canzone lirica scritta per Francesco "Turuturu".

    Riccardo | www.guyoverboard.com

    RispondiElimina
  3. Ah ecco! E pernsare che mi immaginavo fossero dei "bravi bimbi", e invece guarda un po'...
    Sabato ho fatto la mia consueta e divertente transferta sanremese per incontrare qualche vip. Ho incontrato un sacco di fan di Emma sotto il suo albergo ed anche loro non erano contentissimi del comportamento della cantante nei confronti dei suoi seguaci. Ragazzi che stavano sotto l'albergo da ore e l'hanno potuta vedere solo qualche secondo: non si è fermata, la sua manager si è addirittura scocciata deludendo i fan ancora di più.
    Sono riuscita a fare una foto con Nek, che forse era il mio obiettivo principale, una persona straordinaria che con calma ha accontentato tutti i fan che lo aspettavano sotto il suo albergo.
    Ma poi, ci vuole molto poco per lasciare un bel ricordo, anche solo fermarsi un secondo per un saluto e solo anche una foto di gruppo. Che ci vuole?
    Comunque le celebrità vivono un modo completamente diverso dal nostro e credo non sia così semplice rimanre con i piedi attaccati al suolo.

    Buona giornata e grazie per i tuoi reportage, è stato un piacere anche seguirti su Instagram :D
    Ciao!!!!!

    Enza
    The Pink Candy

    RispondiElimina
  4. Io sarò sincera non l'ho seguito se non attraverso te :) è stato un piacere, tu sei carinissima :)

    Bisous,
    Mia ♡

    Becoming Trendy

    RispondiElimina

Lascia un commento per dire la tua!
[I commenti contenenti link attivi verranno segnalati come Spam]

Licenza Creative Commons
Based on a work at www.stylosophique.com.
You are not allowed to use or modify the content. You can't use it for commercial reasons.
You can't share the pics/text/graphic without my prior consense and they have to be linked back to this blog.
Permissions beyond the scope of this license may be available at stylosophique@hotmail.it.



buzzoole code
Profilo